Poesie (51)

Mercoledì, 30 Novembre 2016 21:29

Quest'autunno

Scritto da

D'eterna primavera
sa quest'autunno
eppure gli alberi
han scrollato le foglie.
Tappeti multicolori
su viali assolati.
E quando a sera
spuntano le stelle,
le conto una ad una
senza veli di nubi curiose.
Rose e ginestre adornano
ancora ringhiere.
Verrà Natale,
verrà il freddo?
Dolce autunno
rimani nel cuore,
scrigno di profumi
e ricordi lontani.
Non è tempo questo mio,
di nenie e balocchi.
Nel silenzio mi rivedo
accanto al focolare
di scintille scoppiettante
e la voglia di tepore
scalda ancora,
come allora.

Anna M. Chiapparo

(Poesia selezionata e pubblicata nell'antologia del Premio Merini 2016 - Catanzaro)

 
Domenica, 03 Gennaio 2016 21:39

La mia terra (Calabria)

Scritto da

La mia terra danza nel mare
e canta nel vento
Insegue stelle da regalare
come gemme preziose
a giovani spose
Raccoglie profumi e mesce essenze
in notti insonni di vetuste presenze
La mia terra geme solitaria
quando scompare la luna
e greve culla l’anima ribelle
Accarezza capi di orfani fieri
Raccoglie preci e desideri
Conforta vedove in ogni dove
Ascolta silente serenate d’amore
Tra anfratti, boschi e diroccati manieri
cela  ninfe ed avi guerrieri
Maestosa s’inchina ad antichi cavalieri
La mia terra è uno scrigno prezioso
di tesori nascosti da coltri pesanti
che lacerano l’aria 
con grida incessanti
La mia terra è un aratro 
dai solchi profondi
semina grano e raccoglie pane 
lenisce ferite lasciate dalle frane
Rimane mesta e dolente a meditare
sulla sorte, sempre più impotente
La mia terra muore di una lenta agonia
quando un suo figlio parte e va via

(Anna M. Chiapparo)

Poesia selezionata e pubblicata nella rispettiva antologia nel concorso "Il Federiciano 2015"

 
Mercoledì, 01 Aprile 2015 20:43

U gridu da 'Ndolurata

Scritto da

Fijju aduratu
di tutti abbandunatu,
‘ntisa dira da cundanna mentre
era ‘nta capanna duva ti criscivi
e ti cuntava ogni spanna.
Duva patrita piallava
mentre ti parrava.
Ti cìarcu fijjiu e non ti truavu.
Dimmi duva si, fijju aduratu
di lu cìalu mandatu.

Non aju cchiù lacrimi né suspira.
Non mi cridia ca accussì, jia a finira.
Viju aggìanti chi fujianu cuntianti
mu ti vidanu passare, o fijju
chi fini ti ficìaru fari!

Eccu, ti viju, fijju sbenturatu
cu nu pannu russu cumbojjatu.
Chi sta succediandu
supa ssu munti?
Cruci i lignu chiantati
e sordati arraggiati.
Mancu na guccia i sangu
mi ficiaru asciucare.
Mancu di mamma ti
puazzu abbrazzare.

Mi spingianu, fijju,
nommu ti viju, ma
su ccà, sutta a stu peniju.
Dimmi cuamu ti puazzu aiutare,
parrami fijju, non mi dassare.
Chi stai dicìandu, fijju aduratu,
di lu cìalu mandatu?
C’è viantu e non ti siantu,
eppuru sacciu ca mi vidi…
guardami fijju e
parrami ‘nto cuari,
dimmi ancora paruali.

Pe trent’anni ti criscivi
e sulu ti dassai
‘nta chiju uartu d’alivi.
Perdunami fijju mio aduratu ,
si no fu bona u ti dugnu aiutu.
Chi succeda a stu momiantu?
Scurau fijju e trema tuttu…
Non mi dira ca stai moriandu!
Non cia fazzu fijju, u campu
senza i tia, eppuru u sapìa,
ca st’ura venìa.

Fijju, fijju aduratu,
di tutti abbandunatu!
Sula restai sutta a sta cruci,
cchiù no siantu a vucca tua duci.
Eccu ti stannu scindiandu.
Cuamu nu saccu vacanti
Ti stannu jettandu.
Ora si ‘mbrazza ammìa
fijju mio duci…Quandu nascisti
‘nta chija grutta luntana,
già morivi supa a sta cruci.

Non aju cchiù lacrimi pe ciangira,
non aju hjiatu pe parrare.
Sula ccà, cu ttia vuajju stare.
Finiu u spassu pe
stu puapulu ‘ngratu.
Siti cuntianti?
Ammazzastuvu nu
fijju innocìanti
ca a tanti avìa aiutatu.
Ma vi perdunu cu u cuari ‘nte mani
cuamu vorrìa iju, a tutti pari pari.
Ora jiativinda ca no ccè nenta
chiù i vidira…U fijjiu a sta mamma
fatinci jiangira!

(Anna M. Chiapparo)

 
Mercoledì, 25 Marzo 2015 16:01

A vita è na rota

Scritto da

Vi para ca duarmu
supa a sta seggia,
ccà assettata
e ‘mbeci di penziari
‘ndaju na carrettata.
U tiampu, cu mia si divertiu.
Mi scavau cuamu
nu zappaturi, rivotandu
e sarchijandu a tutti l’uri.
Supa a sta hfacci,
rughi a no finira,
mi chiantau senza cura
e a vita lesta lesta,
mi stranghijiau
cuamu na minestra.

Mi tajjiaru chiji trizzi
accussì belli
chi m’incurunavanu
cuamu na reggina.
Ora, hajiu capiji jianchi,
curti e senz’amuri.
Na pettinata e su
subbitu arriggettata.
Non hannu tiampu
sti hfijji d’oja,
mu ‘ntrizzanu cannola.
Su stressati e ‘ndaffarati
e ‘nci fujianu i jornati.
Mai na parola i cunfuartu,
mai n’abbrazzata disijata.
Ciartu ca u tiampu
è disgraziatu!
Cu mia si divertiu
cuamu nu mascheratu.
Amuri e sdiagnu
siminau a tuttu schianu.

Guardu tuttu
e stajiu cittu cittu
‘nta stu cantu
duva mi posaru.
No parru ma
pianzu ‘ndolorata
a sta vita sbenturata.
A vui vi para ca su scema,
surda e rimbambita,
ma tuttu viju e siantu
di sta vita sdarrupata.
Ciartu, ora su vecchia,
ciunca e arrunchiata,
ma no penzati
ca sugnu ‘ntronata.
A nenta siarvu e
diventai nu pisu,
ma na cosa vuajjiu
u vi dicu:

- "Fijji mia cari, ‘ndaffarati,
chi cchiù tiampu,
pe mmia non aviti,
è inutili ca v’affannati e fujiti…
a vita è na rota
chi gira e vota.
Oja ammìa,
domani tocca
a attìa sta fermata.
Finda ca era bona
a e vi servia,
mamma e nanna adurata,
ora restai sula
e abbandunata.
A vucca mia no parra e no
dicia nenta, stanca sugnu
i stare supa a sta terra.
Priagu notte e
juarnu u Signuri
mu mi caccia i sti doluri.
No ssu doluri d’ossa
e di vecchiajia,
ma doluri di “mannaja”!

Si sapìa, fijji non
‘nda hfacìa!
Miajju suli e sbenturati,
ca suli e abbandunati.
Ma a vita è na rota.
Oja gira, domani vota!
Cerca cuntu e
non ‘nda duna,
‘nci vola sulu bona fortuna!” -

(Anna M. Chiapparo)

(Fotografia di Radu Albu - dolore)

 
Mercoledì, 25 Febbraio 2015 21:05

Non sono poeta

Scritto da

Non sono poeta
che canta l'amore
che ascolta il silenzio
pregando alla luna
Non sono poeta che
si perde nell'orizzonte
vagando nell'infinito
Non cerco speranze
perdute e ricordi svaniti
Non sono autrice
di versi inventati
presto scordati
lasciati in giro
da penne consumate
su fogli ingialliti
Sono messaggera di
note dal cuore
che osserva nascosto
quel che la vita muove
Sarò poeta quel giorno
in cui il silenzio assordante
tacerà per sempre
in un sogno nascente

Anna M. Chiapparo

 
Domenica, 15 Febbraio 2015 21:16

Il mio canto

Scritto da

Da colline assolate
s’alza il mio canto
cavalca nuvole
piene di vento
sconfina oltre
l’orizzonte infinito
Si nutre di silenzio
e beve pioggia
a levare l’arsura
dal cuore intorpidito
si veste d’azzurro
e di coltri stellate
poi dolcemente
si placa
nel mondo dei
sogni sopiti
Tornerà soave
e leggero
a cullar
nuove giornate

Anna M. Chiapparo

 
Lunedì, 29 Settembre 2014 09:53

Dolce autunno

Scritto da

Il mio autunno
ha il colore ambrato
del miele selvatico
che gocciola lieve
su foglie ingiallite

Sa di terra bagnata
che esala una
tenera melodia
dal ventre materno
e l'innalza verso
l'infinito in ghirigori dorati

Sa di profumi speziati
che scaldano il cuore
Di ciocchi che danno
la vita prigionieri di
celle annerite

E profuma il vento
che tutto raccoglie
come le morte foglie
ai cigli ammassate
mogie mogie come
ballerine azzoppate

Il mio autunno sa di
mosto cotto ai cantucci
delle strade e
di botti rotolate
di castagne appena colte
che pungono le mani
nell'ultimo sospiro

E quando scruto il cielo
perdendomi nell'infinito
anelo un abbraccio
che dia sincero calore
mentre la sera
scende soave e colora
le nubi di tenui colori

(A M. C.)

 
Giovedì, 03 Luglio 2014 20:39

A mia madre

Scritto da

Dedicata a te nel 15° della tua scomparsa

Stasera di te
mi sovviene il
ricordo delle mani
Piccole, rugose
mai imbellettate
Mani operose che
non sapevano oziare
Lo sguardo sale e
rivedo il tuo viso
Assorto nelle rughe
delicato nel sorriso
triste nel rimpianto
Quanti rimpianti
celava quella fronte?
Se, ma...perché?
I capelli brizzolati
che non hanno mai
provato misture
Fili d'argento
tra pensieri svolazzanti
Rivedo il tuo sorriso
e la semplice dolcezza
negli occhi stanchi
Eppure, mamma
mi par di non ricordar
più la tua voce

(A/C 2013)
Poesia inserita nell'antologia "Dedicato a" poesie per ricordare dell'Aletti Editore

 
Domenica, 04 Maggio 2014 17:23

Sera

Scritto da

Malinconica sei scesa sera
Mi cullavi poco fa di ricordi
Mi sussurravi canzoni col vento
Cercavi pensieri curiosi

Tutto tace

Anche il vento s'è fermato
I pensieri non so
Aspettano in attesa di un
mio cenno di riavvio

Pausa - stop

Ho spento il monitor
dove sfilano attimi passati
Non è più dolce ricordare
Forse anche tu, sera
l'hai potuto notare

Sei qui con me ad
aspettare mentre intorno
il mondo continua a girare
Qualcuno cerca qualcosa

Io non cerco, non chiedo
forse non vivo...
come te, sera
sono qui spenta
ad aspettare.

(A/C 2014)

 
Domenica, 20 Aprile 2014 13:53

Sei risorto per noi

Scritto da

Flagellato e piagato su una
croce t'abbiamo adagiato
di spine coronato
e con tre chiodi inchiodato-

Tu umile agnello immolato
l'ultimo respiro hai esalato.
Addolorata, la madre
t' ha seguito fin sotto
la croce insanguinata,
di pianto ha il viso straziato-

La Veronica gentile
il volto t'ha asciugato
e tu un dono le hai lasciato-

Ora sei lassù, tra grida di dolore
di pie donne e deliri di ladroni
ma per tutti hai ancora doni-

Dai il perdono a tutti quanti
e speranza ai tanti che seppur
tristi ed affranti in seguito
scioglieranno canti
di gioia e di amore
per te nostro Signore-

Sceso è ormai il silenzio
nella notte scura
ed il buio fa paura.
Improvviso un raggio di luce
squarcia le tenebre più fitte
e le forze del male sono sconfitte-

Radioso hai vinto la morte
e cambi dell'uomo la sorte
la luce ha sbaragliato la notte
più dura ed ora la vita è più sicura-

Ha una meta a cui aspirare
una vetta da scalare.
Risorto sei Signore
portatore d'amore che scruti
l'uomo nel cuore-

Tra rintocchi di campana
e voli di colombe,
da millenni il rito si compie,
ma non è parata né sceneggiata-

E' una vita tanto
tribolata da secoli ricordata.
Sei risorto per noi
Signore Dio d'amore.

(AMC 2014)

Tutti i diritti riservati

 
Pagina 1 di 6