Venerdì, 10 Febbraio 2017 17:45

U tripodìajiu arraggiatu

Pubblicato da 
Vota questo articolo
(2 Voti)

 

Ironicamente, ma neanche troppo...

 

C'era na vota, 'nta nu focularu,
nu tripodiajiu nigru e arruggiatu
ca na matina si rivijjiau tutt'arraggiatu.

“Non cià hfazzu cchiù! 
Na suppùartu sta cundanna!
Prima m'arrustanu, puà mi rifriscano
cu nu catu d'acqua 'njelata, 
pùa mi jettanu a na ripata.
Si mi va bbona mi dassano
'nta cinnari cunzumata.
Ma u sapiti chi vi dicu?
Tri gambi 'l'ajiu e minda vajiu!”

A hfiancu c'era nu pignatiajiu
chi gujjiìa chianu chianu
e mìanzu addormentato,
'nci domandau:

“E duva tinda vai, 
puru ca i gambi l'hai?”

“No sacciu e no tu dicu!
Pemmò su trùappu arraggiatu.
Ti pare giustu, 
c'hajiu u suppùartu a chistu? 
Ijiu sta assettatu cùamu
nu baruni 'mpistunatu
ed io su tuttu 'mbunnatu!”

“Chi vorrissi dira?”

Rispundiu u puzzunìattu,
quasi 'nto gujjire.

“Puru io su nigru e ammaccatu.
Mi votanu, mi giranu 
e mi mettanu i latu.”

“Ma chi vai dicìandu?
A vui vi pijjianu, vi votanu, 
vi giranu, vi lavanu puliti puliti
e vi posanu sistemati.
Ammìa mi jettanu 
cùamu mi trùavu trùavu
ammìanzu a surici e hfolijini
hfilati e sapiti chi vi dicu?
Vùajjiu cchiù rispìattu!
Sugnu io chi ti tìagnu, puzzunìattu!”

“Ohhh...e chi ti vinna?
Stamatina cummìa ta pijjiasti?
Cerca u stai ccittu e mutu,
ca si sulu nu tripùadi arruggiatu,
mancu u m'ìari nu rrè 'ncurunatu!”

U tripodiajiu si ccittìu 
quietu e penzerusu...

“Quasi, quasi, 'nci hfazzu
nu partusu e u divacu, accussì
c'abbascìanu l'ali a stu 'mbriacu.”

Tutti si ccittiru muti muti e
mentre a hfiamma s'arrìdia 
zzumpìandu, u pignatiajiu
jìa penzandu...

“E chi mi vinna a mmia cu sti dui!
Vorrìa u dùarmu e no pùazzu hfare,
vorrìa u gridu e no pùazzu parrare.
Sti dui scìami su cumbinti, ca sulu iji
hannu i chi hfare.
Avìanu raggiuni a ggìanti antichi: 
i guai da pignata, i sapa 
a cucchiara chi manijia.
Sulu ijia, cummara mia,
u sapa cùamu mi sìantu.
M'inchìanu sempa 
di ciciari e suriaca
e rujjiu pe tutta a jornata!”

Si rivijjiau u zzuccu
mianzu cunzumatu e nu gridu minau
pe tuttu u vicinatu:

“O povaru io a chi mani capitai!
Su tuttu vruscìatu!”

Anna M. Chiapparo

(Tutti i diritti riservati)

Letto 225 volte
Altro in questa categoria: « ACQUARO ED IL FUTURO

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.