Canto dell'Addolorata

Ti salvi o Regina, chi ssi Matre Addolorata
ti sia raccumandata st'anima mia.

Ssa grazia ch'io vorria di chissu cuari gratu
feritu e trapassatu di la Santa spata.

Datindindi a nui consigliu spesso a lagrimare
e sempre contemplare al mio errore.

Stu cuari pè dolore, spezzatindilu vui
peccare non voglio chjùi, chjù priastu muartu.

Datindi a nui cumpuartu, nell'ultima agonia
e cuamu Matre mia, non mi lasciati.

Quandu la parma portati del ciclo glorioso
e vui Matre amorosa eternamente.

Ammianzu a li turmianti, sta grazia quandu arriva evviva
la Matre evviva, la 'ndolurata.