Viaggio nel Sud dei Borboni

Un incontro ad Acquaro stimola curiosità e riflessioni.

Gazzetta del Sud dell'8 Settembre 2017

Un viaggio in un sud borbonico sconosciuto ai più, per scoprire chi eravamo e accrescere l’appartenenza, pensare a ciò che potremmo ancora essere e, valorizzando e preservando, vedi Mongiana, ridare nuova speranza al territorio. È la sintesi del partecipato incontro “Il Risorgimento: quando i piemontesiinvasero il sud”, organizzato nei giorni scorsi ad Acquaro dall’amministrazione Barilaro e dai Comitati delle Due Sicilie.
Un viaggio che ha stimolato curiosità e riflessioni, di cui, moderati da Francesco Sorace, responsabile Cds Piemonte, che ha intramezzato con tante notizie inedite, sono stati “ciceroni” Fiore Marra e Rosario Messina, responsabili Cds nazionale e Calabria, Michele Furci, scrittore, Franco Luzza, storico, Bruno Iorfida, sindaco di Mongiana.
Dopo la proiezione di un video e i saluti del sindaco Barilaro, che ha lodato l’iniziativa, Fiore Marra ha spiegato l’attività e il progetto del Cds, ossia: «smascherare le bugie sul regno borbonico e formare le persone a un forte senso di appartenenza ad un territorio politicamente ed economicamente florido».
Questo perché fondato su valori, risorse e principi economici che, secondo Furai, «esistono ancora e potrebbero risollevare le sorti del meridione». Un meridione che, all’epoca, vantava 52 primati, alcuni mondiali, come ha ricordato Rosario Messina, mentre Franco Luzza ha ricordato l’importante patrimonio artistico lasciatoci in eredità, di cui fa parte anche la fabbrica d’armi di Mongiana.

Valerio Colaci

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.