"'U bagnu comunale" di Antonio Perugino


"Prego, faciti prima vui cumpara,
tantu ancora pùazzu aspettara."

"Pe' carità, no 'ncè fretta,
no 'ncè nuju chi m'aspetta."

Furu trùappi 'i 'prego' e tanti 'i 'grazi'
chi si pisciàru tutti 'i dui nt'e cazi.